H2H: la nuova frontiera del marketing
Branding: la parola d’ordine è eccellere!
Branding: la parola d’ordine è eccellere!
27 gennaio 2014
Come organizzare un contest su Pinterest
Come organizzare un contest su Pinterest
3 febbraio 2014

H2H: la nuova frontiera del marketing

H2H: la nuova frontiera del marketing

Photocredit: cinziadimartino.it

0 Condivisioni

Dopo il B2B, il B2C, il B4B (poco approfondito), il C2B (in piena attività), la nuova frontiera del marketing sarà H2H (human to human)!

In principio erano il B2B e il B2C: due modelli di marketing che si basavano sui concetti di domanda e offerta. E tutto era semplice, come bere un bicchier d’acqua. Un’azienda produceva qualcosa, la immetteva sul mercato, la pubblicizzava sui canali di comunicazione standard, i clienti acquistavano. E tutti  vivevano felici e contenti.

Poi il web, l’abbattimento dei limiti geografici, la conoscenza a portata di click hanno cambiato le cose: è nato il C2B. Le aziende sono diventate cliente-centriche. Il marketing che ruotava attorno ai Brand e ai prodotti e servizi che volevano vendere, non esiste più. Il centro del potere si è spostato verso i clienti, sempre più forti in tema di libertà decisionale.

Oggi i clienti sono confusi perché tempestati dalle “storie” dei prodotti, inondati di messaggi personalizzati – su ogni canale di comunicazione disponibile – con i complimenti per la scelta effettuata, con l’invito a visitare il sito e le altre offerte selezionate per lui, con un codice sconto valido per il prossimo acquisto.

Se sei un Brand e riconosci in te questi comportamenti (ossessivi nei confronti del cliente), prova a fermarti e pensare: se tu fossi il cliente in questione, come ti sentiresti? E tieni in considerazione che i tuoi clienti non acquistano solo da te.. quindi di messaggi e attenzioni ne ricevono in quantità multipla.

Aggiungi a questo eccesso di attenzioni, un problema che tutti i clienti vivono in prima persona ogni giorno: l’impossibilità di comunicare con i Brand. Paradossalmente, maggiore è il numero di canali di comunicazione su cui un Brand è presente, minore è la capacità di risolvere un problema in tempi brevi e in modo definitivo, con la massima soddisfazione del cliente.

Insomma il marketing tradizionale e quello social viaggiano ancora su binari paralleli, ognuno verso il suo obiettivo, senza curarsi l’uno dell’altro. Invece dovrebbero lavorare in simbiosi per curare ogni singola conversazione, ogni esperienza personale e trasformarle in un beneficio globale.

Ma un Brand ha emozione e sentimento? No, i Brand no, ma le persone (che lo compongono) si. E le persone hanno voglia di essere comprese, di emozionarsi, di sentirsi parte di un gruppo.

[tweetthis remove_twitter_handles=”true” remove_hidden_hashtags=”true”]Lose yourself in the service of Others[/tweetthis]

E questo è possibile solo attraverso una comunicazione semplice, genuina, umile, con alti e bassi: da persona a persona, da umano a umano (from human to human).  E questo deve fare il marketing: spogliare la comunicazione della complessità e parlare la lingua del pubblico. E questo devono fare i Brand: creare relazioni e dialoghi tra persone, impostare rapporti uno-a-uno con i loro clienti, educare, insegnare, istruire. Non solo vendere.

E tu hai già avuto esperienze di marketing H2H? E ti sei sentito soddisfatto o sopraffatto dalla comunicazione?

 

0 Condivisioni
Cinzia Di Martino
Cinzia Di Martino
Mi definiscono (e mi definisco) una persona positiva, propositiva, decisa e ottimista (e anche chiacchierona). Sono laureata in informatica, ma ho una passione spropositata per blog, social media, marketing e web design.

6 Comments

  1. gloria vanni ha detto:

    Grazie Cinzia per questo tuo “da persona a persona” che spesso dimentichiamo.
    Sì, credo anche io che creare relazioni sia la forza di un brand. Dietro a questo ci sono persone che dovrebbero impegnarsi a promuovere e sostenere una semplice idea come questa. Così semplice da scordarla e scegliere la comunicazione aggressiva e il bombardamento continuo. Azioni da cui come consumatore sono in fuga perenne. Ormai non rispondo neanche al telefono non appena vedo chiamata da fuori area etc: so che è l’ennesima offerta dell’operatore di turno cui ho già detto almeno 20 NO negli ultimi tre mesi. Questo è marketing o persecuzione?

    • Cinzia Di Martino ha detto:

      Hai ragione @gloriavanni:disqus: è persecuzione! Secondo me il problema nasce dalla visione complessa delle cose: il cliente deve essere al centro delle attenzioni, ma questo non si può (e non si deve) tradurre in un eccesso.. o si rischia di asfissiarlo!
      E’ come nei rapporti: la troppa possessività fa male, fa fuggire l’altro invece di tenerlo vicino a noi. Ci vuole la giusta misura e soprattutto mai calpestare la libertà altrui: come con i bambini, bisogna dare loro la possibilità di sbagliare per far comprendere i propri limiti e come funziona il mondo. I clienti possono anche “tradire” un Brand, servendosi da un Competitor, ma come con il figliol prodigo bisogna essere pronti a festeggiare il suo ritorno! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *