4 domande per ritrovare la creatività

4 domande per ritrovare la creatività

Non funziona a comando (purtroppo per noi), ma se ti dicessi che per ritrovare la creatività devi solo rispondere a 4 domande? Proviamoci insieme!

Ogni giorno è una lotta: non sai più cosa inventarti.

Sei un blogger? Gli articoli ti sembrano sempre gli stessi.
Sei un marketer? Le idee per attrarre nuovi clienti ti sembrano trite e ritrite.
Sei una pmi? Non sai più a che santo votarti per vendere i tuoi prodotti/servizi.

Cerchi nuove ispirazioni, nuovi strumenti, nuovi punti di partenza ma.. hai provato a guardare meglio dentro di te?

Se mi segui da un po’ avrai notato che non perdo occasione di dirlo, perché ci credo davvero: la risposta è nella domanda! Ovvero forse non trovi le risposte perché ti poni le domande sbagliate.

Ti ho parlato di Winnie Pooh, della Zumba e delle Socialiadi, pensando di andare “fuori dagli schemi”. Si, magari il modo in cui ho affrontato gli argomenti può sembrare diverso e creativo, ma di fondo le ispirazioni le ho sempre trovate rispondendo alle domande (che io credo) giuste. Prova a rispondere anche tu!

Chi voglio diventare?

Se avessi ancora 7 anni, magari risponderesti il supereroe, il pompiere, la ballerina o l’infermiera. Ma oggi che risposta dai a questa domanda? Sii sincero/a, non devi mica dirla ad alta voce, puoi rispondere a mente 😉
La tua aspirazione si porta dietro una determinazione che nemmeno immagini (alimentata dalla tua passione): se la risposta è sincera, il sorriso si dipingerà sul tuo volto e ti sentirai forte ed energico come un leone.

Cosa faccio?

Ovvero come cerchi di raggiungere il tuo obiettivo? Una considerazione: se sai cucinare un piatto di pasta, puoi già aprire un ristorante.
Quanti ristoranti “dedicati” hanno un successo enorme? Non bisogna per forza avere un menu con 365 piatti diversi: basta specializzarsi, trovare quei 5 piatti che cucini come nessun altro al mondo e proporli al tuo pubblico: ti ameranno! Chiaro, no?

A chi posso essere utile?

Se sei un pasticcere, difficilmente sarai “utile” ad un diabetico. Se sei un blogger, non sarai utile agli over 80 che comprano e leggono ancora il giornale. Se sei un pubblicitario, non sarai richiesto da panettieri e farmacisti.
Ma il mondo è vasto e vario. Ognuno ha un target di riferimento: bisogna individuarlo con precisione per poter essere creativi in modo proficuo.

Come vorrei far sentire i miei lettori/clienti?

E qui entra a gamba tesa la passione! Vuoi vedere il wow dipinto sul volto dei tuoi clienti? Allora dipingiglielo, solo tu puoi! Nessuno li conosce meglio di te e per ognuno sei in grado di fare la mossa giusta, nel momento giusto. Dipende solo da te!

Non servono miracoli: gli obiettivi si raggiungono con facilità quando sono chiari, netti e definiti.

 

Io dopo aver risposto alle 4 domande, ho scritto questo articolo con la voglia di farti riflettere ed ispirarti (almeno un pochino). Se ci sono riuscita puoi dirmelo solo tu (magari in un commento). E se ci sono riuscita io, rispondi alle 4 domande e sii il tuo miracolo!

 

Quanto ti è piaciuto questo articolo?


Iscriviti alla Newsletter

* indicates required

Cinzia Di Martino
Cinzia Di Martino
Mi definiscono (e mi definisco) una persona positiva, propositiva, decisa e ottimista (e anche chiacchierona). Sono laureata in informatica, ma ho una passione spropositata per blog, social media, marketing e web design.
Shares

Powered by themekiller.com watchanimeonline.co