[infografica] Come creare il post perfetto sui 4 social principali

Periodicamente è bene rimettersi in discussione, anche in termini di contenuti creati per le varie piattaforme social. Ma è davvero possibile creare il post perfetto? Sembra proprio di si!

Vi ricordate quando Twitter era il Signore degli Hashtag? E quando Facebook era il King of content? E Pinterest il Re delle immagini?

Ebbene: ad oggi gli hashtag sono stati introdotti anche in Google+ e Facebook, le immagini giocano un ruolo fondamentale in tutti i social (e ho parlato dell’importanza del visual content sia in italiano che in inglese), i contenuti purché utili e creativi sono ben accetti ovunque!

Ma.. ogni social ha la sua forma prediletta per i post e grazie a questa infografica di mycleveragency potremo avere un quadro chiaro della situazione per riuscire ad attirare l’attenzione dei fan/follower/seguaci e incrementare le interazioni, i commenti e i mi piace del pubblico.

Per quanto mi riguarda, devo testare alcuni suggerimenti..

Facebook: di solito non inserisco un link nello status update, preferisco la visualizzazione delle anteprime per i link ai post. Ma, a quanto pare, un link nello status incrementa il traffico al sito.. e se fosse vero? Ci provo nei prossimi giorni! Qualcuno di voi ha esperienze a riguardo?

Twitter: posso decisamente migliorare con le mentions, ma mi attanaglia un dubbio.. gli hashtag si devono integrare nel messaggio o possono anche essere inseriti dopo lo shorten url? Voi come fate?

Pinterest: da oggi repinnerò solo immagini colorate e con predominanza di rosso e arancione #sapevatelo! ^_^ Sulle immagini verticali (non infografiche) avevo intuito che fossero le predilette.. ma non ne comprendo il perché. Voi come ve lo spiegate?

Google+: il tagging non mi fa impazzire (il suo utilizzo mi fa sentire invadente) ma se dicono che funziona, non posso non provarlo. Ma a voi risulta l’aumento delle interazioni?

E, per non farci mancare nulla, anche lo specchietto degli orari migliori in cui pubblicare sulle varie piattaforme. Sembrerebbe che Google+ sia l’unico social ammesso negli orari di lavoro e che gli altri siano invece da pausa pranzo o per nottambuli.. ma sarà poi vero??

Buona visione e non dimenticare di rispondere alle mie domande nei commenti ^_^

[infografica] Come creare il post perfetto

immagine: mycleveragency.com



Iscriviti alla Newsletter

* indicates required

Cinzia Di Martino
Cinzia Di Martino
Mi definiscono (e mi definisco) una persona positiva, propositiva, decisa e ottimista (e anche chiacchierona). Sono laureata in informatica, ma ho una passione spropositata per blog, social media, marketing e web design.

8 Comments

  1. Nicola ha detto:

    Onestamente non seguo molte strategie per i miei tweet. Avevo letto qualche tempo fa che la lunghezza perfetta si aggirava tra i 110 e i 120 caratteri. Un’altra ricerca riportava di inserire il link a metà tweet, ovvero inserire altro contenuto dopo il link e non lasciare l’URL solo in fondo.

    Su Facebook cerco di variare e inserire nel post nel post il link mettendo in rilevanza un’immagine. Non sempre però lo faccio, la strategia è importante, ma l’impulso e la semplicità lo è altrettanto.

  2. cinziadimartino ha detto:

    Grazie Nicola per il tuo contributo!

    Hai proprio ragione: il mondo social è in continua evoluzione ed è complicatissimo star dietro a tutte le analisi e gli studi del caso (e soprattutto, non si ha nemmeno il tempo di testarne la validità)!

    E tra strategy e passion the winner is.. just passion! I agree! ^_^

  3. Roberto ha detto:

    Tempo fa ho letto un articolo sui momenti migliori della giornata per postare sui vari social, ma ho dimenticato di salvarlo.
    Per Facebook invece anch’io visualizzo solo l’anteprima del post; lasciare il link mi dà una sensazione di disordine.
    Per Twitter invece integro gli hashtag nel testo se la parola in questione è quella che voglio inserire come tale; risparmio caratteri 🙂 Ma non uso gli shorten link, ho scoperto da poco come ottenerli.

    • cinziadimartino ha detto:

      Grazie Roberto.. com’è che Google+ e Pinterest non sono stati nominati?! ^_^

      A giudicare da quanto ho scritto e da quanto hai risposto.. direi che da lunedì dobbiamo metterci al lavoro per tentare queste “nuove” strade (e poi ci rivediamo qui per discutere dei risultati) 😉

      Che ne dici?

      • Roberto ha detto:

        Ehm………….Su Pinterest mi sono iscritto senza mai usarlo per il momento. Non ho molta fantasia con le foto e volevo prima capire come usarlo osservando gli altri. Mi sembra di aver capito che pubblicare le immagini inserite negli articoli con una frase che richiama ad essi sia una buona cosa; o no?
        Google+ lo uso poco, non mi attira molto e non so perché. Lo uso quando pubblico un articolo, forse perché la mia presenza lì è strettamente legata al blog. Su Facebook invece ho il mio profilo personale, le mie amicizie, mentre Twitter lo uso soprattutto dal cell data la “leggerezza” dell’applicazione (ho un Blackberry, non performante come Iphone o Samsung in tal senso) e quindi posso twittare in qualsiasi momento.
        Devo migliorare in tal senso l’utilizzo dei profili social del blog!!! Sono troppo pigro forse per star dietro a troppe cose 😀

  4. cinziadimartino ha detto:

    Katia Anna Calabrò – @prladybirdhouse aveva talmente tante cose da dire che ha preferito scrivere un articolo (invece di un commento)!

    Un grazie di cuore a Katia e buona lettura a voi 😉

    http://katiaannacalabro.blogspot.it/2013/06/un-post-in-risposta-infografica-come.html

  5. In risposta a "[infografica] Come creare il post perfetto sui 4 social principali" di Cinzia Di Martino. | Katia Anna Calabrò ha detto:

    […] qui  integralmente , eccetto l’infografica che potete comunque vedere QUI assieme al post originale, l’articolo di Cinzia Di […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by themekiller.com watchanimeonline.co