Ex clienti: 5 cose da imparare quando finisce un amore

Ex clienti: 5 cose da imparare quando finisce un amore

Professionista-Cliente: è un rapporto tra persone e come tale vive e prende forma in base alle nostre personalità. E può arrivare anche il giorno in cui finisce…

Così è se ti pare.

I clienti ti cercano quando hanno bisogno, ti usano per raggiungere l’obiettivo che si sono prefissati e sono pronti a mollarti per qualcun’altro quando vogliono.

Tu, romanticone nell’animo, pensavi invece di aver trovato il cliente fedele, quello su cui poter contare sempre e a prescindere da tutto e da tutti. E invece devi ricrederti.

Ma, come quando finisce un amore, è inutile andarsene in giro a lamentarsi, a denigrare e a colpevolizzare con amici e parenti. Non è il modo migliore, né quello corretto di affrontare la situazione.

Anche dalla storia più rovinosa, possiamo imparare una lezione: sui nostri difetti, sui nostri approcci sbagliati, sulle nostre effettive e reali necessità taciute. Dobbiamo solo individuarle, elaborarle e riciclarle per far funzionare meglio i rapporti futuri.

In base alle mie esperienze, ecco le cose che ho imparato e su cui sto lavorando ogni giorno per migliorare i rapporti con i clienti, per ridurre le possibilità che diventino EX!

1. Il silenzio non aiuta

Inutile chiudersi a riccio o attaccare senza ritegno quando le cose non vanno. Mutismo e rassegnazione non aiutano a migliorare un rapporto, anzi lo logorano dall’interno, alimentando rabbia e risentimento. I problemi si risolvono parlando, nel momento stesso in cui si presentano.

2. Le parole hanno un significato preciso

La comunicazione non può, non deve essere criptata. Nessuna dietrologia. Nessuna congettura. Frasi semplici e dirette: soggetto, verbo e complemento oggetto. E se qualcosa non è chiara, chiedi spiegazioni!

3. Sei responsabile delle tue azioni

Ognuno ha vari ruoli ben definiti in una relazione. Bisogna scegliere quello adatto all’occasione e portarlo avanti, pronti a prendersi le proprie responsabilità, senza incolpare l’altro di non averci messo in condizione di poter fare del nostro meglio. Le decisioni si prendono in due!

4. Dimentica il passato

Inutile intossicare le relazioni portandosi dietro uno zaino pieno di delusioni, frustrazioni e paure. Ogni rapporto è un’esperienza nuova in cui nessuno ha colpa di nulla, fino a prova contraria.

5. Ogni relazione va coltivata

Non dare nulla per scontato o tutto sarà fagocitato dalla routine e vi ritroverete spenti e senza più stimoli e rischierete il collasso lavorativo. La solidità di una relazione si basa sulle piccole cose speciali di ogni giorno.

 

Nessun rapporto è una perdita di tempo (al massimo può esserci una perdita di soldi!), ci lascia sempre qualcosa e se noi vogliamo può essere qualcosa di utile per noi e per la nostra crescita, personale e professionale.

E allora quando finisce (o non decolla) un rapporto lavorativo, invece di dare dell’inetto, sconsiderato, ignorante e incosciente all’altro, chiediti: come mi ha arricchito? cosa ho imparato? cosa ho capito di me?

Stai sicuro che scoprirai che la colpa non è additabile ad uno solo, ma ad entrambe le parti. Tutti facciamo degli sbagli. La cosa più importante è che dagli sbagli si può imparare e si può diventare persone migliori (e siamo migliori già nel momento in cui riconosciamo i nostri sbagli).

 

E tu fino ad oggi cosa hai imparato dai rapporti coi clienti e.. quali “errori” non fai più?!

 

 

Quanto ti è piaciuto questo articolo?


Iscriviti alla Newsletter

* indicates required

Cinzia Di Martino
Cinzia Di Martino
Mi definiscono (e mi definisco) una persona positiva, propositiva, decisa e ottimista (e anche chiacchierona). Sono laureata in informatica, ma ho una passione spropositata per blog, social media, marketing e web design.
Shares

Powered by themekiller.com watchanimeonline.co