Ecco perchè la professionalità paga (e si paga)!

Ecco perchè la professionalità paga (e si paga)!

immagine: marketguidepro.com

Immagina la scena:

E’ venerdì sera; dopo un’estenuante settimana di lavoro, decidi di dedicarti una serata di relax nel ristorante più elegante della città. Appena entri nel locale, vieni accompagnato al tavolo da un cameriere gentile e sorridente. L’atmosfera è rilassante, la musica di sottofondo molto piacevole: ti senti subito bene!

Dopo qualche minuto, il cameriere torna portandoti la lista dei vini e ti suggerisce un bianco frizzantino che lega bene con il piatto della serata: risotto agli scampi. E’ proprio il piatto che volevi! Decidi di seguire i consigli del cameriere: ordini il vino bianco e lo sorseggi amabilmente in attesa del risotto.

Dopo una decina di minuti, ecco venir fuori dalla cucina lo Chef.. Vieni proprio verso il tuo tavolo!
“Ha ordinato lei il risotto agli scampi?”, chiede gentilmente.
“Si..”, rispondi quasi con timore e imbarazzo.
“Bene, mi segua in cucina allora.. e cominci a sgusciare gli scampi!”.

Come ci rimarresti? Pensi che pur avendo a disposizione tutti gli strumenti del mestiere, saresti in grado di ottenere un risotto agli scampi eccellente? A fare la differenza sono gli strumenti o la professionalità di chi li usa?

Social Media Marketing, parola d’ordine: professionalità

Oggi tutti hanno un account Facebook, Twitter, Pinterest ed alcuni cercano di utilizzare il web per incrementare i loro affari. Ma spesso non si ottengono i risultati voluti proprio a causa di una mancata professionalità nella gestione delle community online.

Vediamo allora insieme alcune indicazioni su come metodo e professionalità possono davvero fare la differenza!

Costruzione di un bacino d’utenza

Per ottenere un buon bacino d’utenza si possono individuare diverse attività, vediamone alcune in ordine sparso:

– Creare profili consistenti e completi
Definire i contenuti in base al target cui ci si rivolge
– Curare contest e giochi (la Gamification è alla base delle relazioni social)
– Comunicare anche offline (adesivi, presenza nei punti vendita,  totem, ecc.)

Coinvolgimento della community

E’ semplice come nella vita reale, ma.. non si riesce facilmente ad ottenerlo! Per costruire un vero dialogo tra le parti (e quindi coinvolgere appieno), bisogna essere   sinceramente coinvolti, fornire contenuti di valore, gradevoli, condivisibili; organizzare i contenuti in categorie, in modo da renderli più immediatamente fruibili; cercare idee nuove per innescare meccanismi virali!

Incremento degli affari

I social media non possono sostituire i classici canali di vendita, ma possono di certo aiutare ad incrementare le vendite con il meccanismo del passaparola. Per far ciò, bisogna creare offerte e coupon valide per la community, campagne esclusive, contest focalizzati sull’acquisto dei prodotti. Insomma via libera alla fantasia!

E tu come affronti i social media per migliorare i tuoi affari?

Quanto ti è piaciuto questo articolo?


Iscriviti alla Newsletter

* indicates required

Cinzia Di Martino
Cinzia Di Martino
Mi definiscono (e mi definisco) una persona positiva, propositiva, decisa e ottimista (e anche chiacchierona). Sono laureata in informatica, ma ho una passione spropositata per blog, social media, marketing e web design.
Shares

Powered by themekiller.com watchanimeonline.co